image/svg+xml

L'idea

La Fondazione Horcynus Orca nasce dalla relazione tra enti di ricerca, imprese responsabili sul piano sociale e ambientale e  attori del terzo settore, con la  missione della valorizzazione dell’area dello Stretto di Messina attraverso percorsi internazionali permanenti di cooperazione culturale, scientifica e nell’ambito dell’economia civile.

La Fondazione ha sede nell’omonimo parco culturale a carattere interdisciplinare. Come il romanzo di Stefano D’Arrigo, a cui il Parco Horcynus Orca è dedicato, coinvolge un sistema complesso di saperi (dalla biologia marina, alla fisica del caos, dalle scienze naturali all’archeologia, dall’arte alle scienze della terra, dalla letteratura all’antropologia) che costituiscono la grammatica e la sintassi di questo spazio millenario: lo scill’e cariddi. Rappresenta così un ponte innovativo fra ricerca scientifica, innovazione tecnologica, linguaggi creativi, incontri fra culture, sperimentazione di economie solidali, mercati eticamente orientati e divulgazione partecipata.

Oggi tre sono le principali aree di impegno della Fondazione: il polo delle culture mediterranee; il Centro Internazionale sulle Scienze e le Tecnologie Marine ed Ambientali, che opera sotto l’egida delle principali Agenzie dell’ONU; il polo di divulgazione scientifica e del turismo culturale ed educativo.