image/svg+xml
io sono index.phpbool(false)
<- logic before rendering header
Array
(
    [1] => Array
        (
            [ID] => 1
            [parent_ID] => 0
            [children] => Array
                (
                    [2] => Array
                        (
                            [ID] => 2
                            [parent_ID] => 1
                        )

                    [3] => Array
                        (
                            [ID] => 3
                            [parent_ID] => 1
                        )

                    [4] => Array
                        (
                            [ID] => 4
                            [parent_ID] => 1
                        )

                    [5] => Array
                        (
                            [ID] => 5
                            [parent_ID] => 1
                        )

                    [6] => Array
                        (
                            [ID] => 6
                            [parent_ID] => 1
                        )

                )

        )

)
Array
(
    [0] => Array
        (
            [model_ID] => 0
            [model_children] => Array
                (
                    [0] => 1
                )

            [title] => Fondazione Horcynus Orca
            [content] => 
            [summary] => 
            [permalink] => http://www.horcynusorca.it
        )

    [1] => Array
        (
            [model_ID] => 1
            [parent_model_ID] => 0
            [wp_id] => 683
            [wp_parent_id] => 0
            [title] => Un partenariato per generare Metamorfosi
            [content] => 

Al termine della due giorni di workshop internazionale del 27 e del 28 settembre, i rappresentanti delle organizzazioni presenti all’Horcynus Lab Festival hanno sottoscritto un documento in cui concordano “sulla necessità di contribuire a generare un vero e proprio salto di paradigma socio-economico, una Metamorfosi. Per raggiungere questo scopo appare necessario sviluppare e sperimentare processi di trasformazione del pensiero e delle pratiche socio-economiche, dei sistemi di istruzione e di conoscenza, dei modelli produttivi e di consumo delle politiche energetiche, così come dei modelli di governance locale e globale.
Emerge l’importanza di restituire centralità ai territori e alle comunità – si legge ancora nel documento, esito dei lavori – Per fare ciò è necessario costruire ampi partenariati trasversali tra attori diversi del cambiamento che abbiano carattere di infrastrutturazione e che s’impegnino a lungo termine nei processi di trasformazione sociale basati sulla cooperazione e sulla centralità della persona e del bene comune.
I firmatari si impegnano ad avviare e/o ad intensificare dinamiche di cooperazione reciproche, a lungo termine, tra territori anche del bacino Mediterraneo. Pertanto scelgono di condividere nuove visioni, di generare strategie efficaci e quindi di mettere in comune saperi, pratiche, capacità e risorse”.

I firmatari sono:

Nella foto Carola Carazzone, segretario generale di Assifero, e Gaetano Giunta, segretario generale di Fondazione di Comunità di Messina Onlus

[summary] => [permalink] => http://www.horcynusorca.it/2018/09/28/un-partenariato-per-generare-metamorfosi/ [wp_menu_position] => 0 [wp_post_type] => post [wp_date] => 2018-09-28 11:45:48 [model_children] => Array ( [0] => 2 [1] => 3 [2] => 4 [3] => 5 [4] => 6 ) ) [2] => Array ( [model_ID] => 2 [wp_id] => 683 [wp_parent_id] => 0 [title] => Un partenariato per generare Metamorfosi [content] =>

Al termine della due giorni di workshop internazionale del 27 e del 28 settembre, i rappresentanti delle organizzazioni presenti all’Horcynus Lab Festival hanno sottoscritto un documento in cui concordano “sulla necessità di contribuire a generare un vero e proprio salto di paradigma socio-economico, una Metamorfosi. Per raggiungere questo scopo appare necessario sviluppare e sperimentare processi di trasformazione del pensiero e delle pratiche socio-economiche, dei sistemi di istruzione e di conoscenza, dei modelli produttivi e di consumo delle politiche energetiche, così come dei modelli di governance locale e globale.
Emerge l’importanza di restituire centralità ai territori e alle comunità – si legge ancora nel documento, esito dei lavori – Per fare ciò è necessario costruire ampi partenariati trasversali tra attori diversi del cambiamento che abbiano carattere di infrastrutturazione e che s’impegnino a lungo termine nei processi di trasformazione sociale basati sulla cooperazione e sulla centralità della persona e del bene comune.
I firmatari si impegnano ad avviare e/o ad intensificare dinamiche di cooperazione reciproche, a lungo termine, tra territori anche del bacino Mediterraneo. Pertanto scelgono di condividere nuove visioni, di generare strategie efficaci e quindi di mettere in comune saperi, pratiche, capacità e risorse”.

I firmatari sono:

Nella foto Carola Carazzone, segretario generale di Assifero, e Gaetano Giunta, segretario generale di Fondazione di Comunità di Messina Onlus

[summary] => [permalink] => http://www.horcynusorca.it/2018/09/28/un-partenariato-per-generare-metamorfosi/ [wp_menu_position] => 0 [wp_post_type] => post [wp_date] => 2018-09-28 11:45:48 [model_parent_ID] => 1 ) [3] => Array ( [model_ID] => 3 [wp_id] => 681 [wp_parent_id] => 0 [title] => Premio Horcynus Orca a Mimmo Cuticchio [content] =>

Sabato 29 settembre si apre la sezione teatrale “MigrAzioni tra terre e mare” dell’Horcynus Lab Festival con gli eventi collegati al Premio Horcynus Orca 2018, che sarà consegnato domenica 30 a Mimmo Cuticchio.

Contastorie, attore e regista teatrale, Cuticchio è erede diretto della tradizione palermitana dell’Opera dei pupi. Al Festival è protagonista con due appuntamenti. Alle 21 di sabato 29 settembre va in scena con il suo “A singolar tenzone”, sulle gesta dell’eroe per eccellenza, il paladino dell’esercito francese Orlando.

Domenica 30 settembre alle 17:00, il programma dell’Horcynus Lab Festival prevede il seminario curato da Cuticchio Quello che resta: l’eredità culturale nel passaggio dalla tradizione al contemporaneo. Il seminario è organizzato in collaborazione con Sabir Fest, Dipartimento Cospecs Unime, Universi Teatrali, Latitudini rete e sarà introdotto da Massimo Barilla e Dario Tomasello. Sempre domenica Cuticchio riceverà il Premio Horcynus Orca 2018.

Ecco la motivazione del premio a Mimmo Cuticchio:

A Mimmo Cuticchio attore teatrale e regista, il più importante erede della tradizione dei cuntisti e dall’arte dei Pupi siciliani, oggi riconosciuta dall’UNESCO quale Patrimonio orale e immateriale dell’umanità.
Dal 1989 Mimmo Cuticchio consolida definitivamente il percorso orientato alla “rifondazione” del teatro dei pupi. Nascono gli spettacoli Visita Guidata all’Opera dei pupi, Francesco e il Sultano, L’Urlo del Mostro e alcune “serate speciali” che legano i modelli del cunto e dell’opera tradizionali ad un rinnovato impegno civile e artistico che rispecchia la società contemporanea.
La sua interpretazione nel film Terraferma è un’ulteriore conferma di una umanissima sensibilità nei confronti del fenomeno assai attuale delle migrazioni dal sud del mondo. A sugello di questo percorso esistenziale, in occasione dei propri 70 anni, Mimmo Cuticchio ha voluto compiere un pellegrinaggio in tre tappe partendo da Palermo e, dopo l’incontro con Papa Francesco, è giunto a Roncisvalle per intonare un canto di pace per il Mediterraneo.
Il premio esprime vicinanza e condivisione rispetto ad una continua ricerca finalizzata a riscoprire e a rivitalizzare le radici più profonde della nostra storia, della nostra umanità e di una possibile necessaria convivenza civile.

Il Presidente
Gaetano Giunta

Il Direttore dell’Horcynus Festival
Franco Jannuzzi

[summary] => [permalink] => http://www.horcynusorca.it/2018/09/28/premio-horcynus-orca-a-mimmo-cuticchio/ [wp_menu_position] => 0 [wp_post_type] => post [wp_date] => 2018-09-28 11:03:49 [model_parent_ID] => 1 ) [4] => Array ( [model_ID] => 4 [wp_id] => 687 [wp_parent_id] => 0 [title] => Una proposta di legge per finanziare progetti di inclusione e di promozione dei diritti di cittadinanza [content] =>

All’Horcynus Lab Fest la Fondazione di Comunità di Messina e la rete RES-Int illustrano il testo sul budget di salute

Il 29 settembre, alle 10.30, durante la quinta giornata dell’Horcynus Lab Fest, la Fondazione di Comunità di Messina e la rete RES-Int (Rete dell’Economia Sociale Internazionale) presenteranno a esponenti della Commissione Affari Sociali della Camera e della Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica una proposta di legge sul Budget di Salute.
Il testo di legge prevede l’istituzione di un fondo nazionale a garanzia di investimenti realizzati a favore di persone con fragilità socio-sanitarie da enti del terzo settore, destinati a creare nuove opportunità sul lavoro, sulla casa, sulla socialità e sulla conoscenza. In particolare, la legge prevede la riconversione delle rette a carico dello Stato, che tradizionalmente sostengono modelli di welfare assistenziali e istituzionalizzanti, in budget di salute per finanziare progetti personalizzati di inclusione e di promozione dei diritti di cittadinanza.

“A 40 anni dalla Legge Basaglia e quindi dall’avvio dei processi di deistituzionalizzazione – spiega lo psichiatra Angelo Righetti, presidente della Rete RES-Int – il budget di salute è oggi realtà in molte regioni italiane che sperimentano l’esperienza dei progetti personalizzati per la modifica delle determinanti sociali, culturali ed economiche e così rendono favorevoli le prognosi delle persone con malattie croniche o eredo-degenerative. Dopo alcune esperienze pilota, sperimentate in Sicilia – a Messina – e in Campania – a partire da Casal di Principe – oggi anche Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Umbria e, seppure in fase di avvio, Calabria e Puglia, moltiplicano esperienze sui budget di salute che forniscono alternative valide ed economicamente sostenibili ai modelli tradizionali, divenuti troppo mercantili – precisa Righetti – dei sistemi di welfare. L’approvazione di una legge nazionale – conclude il presidente di RES-Int – darebbe impulso e metodo alla trasformazione dei costi sanitari sociali in investimenti produttivi di salute, economia e redistribuzione ai territori”.
La proposta di legge sintetizza l’esperienza e gli esiti di due modelli avanzati sull’utilizzo del budget di salute: il progetto Luce è Libertà della Fondazione di Comunità di Messina che ha permesso, a partire dal 2010, di liberare 60 persone dall’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto, garantendo loro un percorso di riconquista dei diritti fondamentali; e la sperimentazione in Campania che ha consentito, per la prima volta in Italia, l’approvazione di una legge regionale sul budget di salute, basata su un processo sistemico che coinvolge i vari attori del territorio: enti del terzo settore, Comuni, Azienda Sanitaria Locale, tenuti insieme dall’opera dell’associazione don Beppe Diana di Casal di Principe e di Nuova Cooperativa Organizzata.

I lavori del workshop saranno coordinati da Francesco Marsico (Responsabile Area Nazionale di Caritas Italiana). Parteciperà il Presidente emerito della Corte Costituzionale prof. Gaetano Silvestri. Tra gli interventi in programma, quelli di Gaetano Giunta, segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina, Angelo Righetti, presidente della rete RES-Int, Giuseppe Pagano, vicepresidente di Nuova Cooperativa Organizzata e Anna Rainone, responsabile del Progetto Terapeutico Responsabile Individuale, consorzio Sale della Terra.

[summary] => [permalink] => http://www.horcynusorca.it/2018/09/27/una-proposta-di-legge-per-finanziare-progetti-di-inclusione-e-di-promozione-dei-diritti-di-cittadinanza/ [wp_menu_position] => 0 [wp_post_type] => post [wp_date] => 2018-09-27 12:21:54 [model_parent_ID] => 1 ) [5] => Array ( [model_ID] => 5 [wp_id] => 675 [wp_parent_id] => 0 [title] => "Omaggio a Jens", il seminario di studi apre l'Horcynus Lab Festival [content] =>

Il seminario di studi dedicato a Jens Nilsson, co-fondatore di REVES ed Europarlamentare, ha aperto, la mattina del 26 settembre a Mirabella Imbaccari, l’edizione 2018 dell’Horcynus Lab Festival.

Il seminario si è svolto a Palazzo Biscari, ceduto nel luglio 2014 alla Fondazione di Comunità di Messina dalle Suore Dorotee di Santa Paola Frassinetti, che lo hanno gestito per più di un secolo. Oggi Palazzo Biscari è una delle sedi di Semer, la scuola euro-mediterranea di economia responsabile, di bellezza e di pace, la cui istituzione è al centro delle attività dell’Horcynus Lab Festival.

Il seminario di studi è stato aperto da Rainer Schlüter (co-fondatore di REVES – Fondazione di Comunità di Messina) e Gianni Pensabene (co-fondatore di REVES) con l’intervento “La storia di REVES e una vision per l’Europa”. A seguire, ha parlato Luigi Martignetti (Segretario Generale di REVES), sul tema “Partecipazione e partenariato pubblico- privato”. Jan Olsson (Presidente di REVES) ha presentato l’intervento dal titolo “Un ruolo strategico per l’economia sociale e solidale”. “Il futuro della politica di progresso in Europa” è stato l’ultimo contributo, a cura di Ann Sofie Andersson (Presidente della Giunta Municipale di Östersund).

[summary] => [permalink] => http://www.horcynusorca.it/2018/09/26/omaggio-a-jens-il-seminario-di-studi-apre-lhorcynus-lab-festival/ [wp_menu_position] => 0 [wp_post_type] => post [wp_date] => 2018-09-26 08:42:09 [model_parent_ID] => 1 ) [6] => Array ( [model_ID] => 6 [wp_id] => 647 [wp_parent_id] => 0 [title] => Horcynus Lab Festival, cooperazioni strategiche per generare “Metamorfosi” [content] =>

Dal 25 settembre al 5 ottobre, tra Mirabella Imbaccari e Messina, le principali reti internazionali dell’economia sociale e della finanza etica incontrano i territori del bacino euro mediterraneo impegnati a sperimentare processi di trasformazione

Clicca per scaricare il programma di “Metamorfosi” in pdf

La Fondazione di Comunità di Messina e la Fondazione Horcynus Orca, in collaborazione con REVES, la Rete Europea delle Città e delle Regioni per l’Economia Sociale, organizzano in Sicilia, tra Mirabella Imbaccari (Ct) e Messina, “Metamorfosi”, un progetto dell’Horcynus Lab Festival, declinazione internazionale della nuova architettura dell’Horcynus Festival.

Dal 25 settembre al 5 ottobre, “Metamorfosi” è occasione di incontro tra le principali reti mondiali dell’economia sociale e della finanza etica e i territori di eccellenza dei paesi sulle due sponde del Mediterraneo che già sperimentano uno sviluppo responsabile sul piano sociale, culturale e ambientale. “L’obiettivo – spiega il segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina, Gaetano Giunta – è ribadire la necessità di costruire, a partire in questo caso dalla Sicilia e da Messina, cooperazioni strategiche per promuovere e condividere processi di trasformazione del pensiero e delle pratiche socio-economiche, dei sistemi di istruzione e conoscenza, dei modelli produttivi e di consumo, delle politiche energetiche, così come dei modelli di governance locale e globale che possano generare alternative al paradigma socio-economico dominante, basato su un approccio essenzialmente utilitaristico, causa di disarmonie e contraddizioni quali un aumento catastrofico della diseguaglianza, distruzione dilagante delle risorse naturali e socio-relazionali e uno sconvolgimento climatico epocale”.

In questa prospettiva la Fondazione di Comunità di Messina ha da tempo avviato un cambiamento statutario per trasformarsi nella Fondazione delle Comunità delle Periferie del Mondo, cioè, in un cluster di Fondi territoriali destinati a sostenere, oltre che nell’area dello Stretto di Messina, in modo durevole, policy di trasformazione e di sviluppo umano sostenibile in diversi territori della sponda sud del Mediterraneo e in altre aree del sud del mondo come Cuba. Come sempre, l’Horcynus Festival accompagna e sostiene le visioni e le strategie della Fondazione di Comunità. Per questa ragione ha scelto di modificare la propria architettura ri-strutturandosi in tre articolazioni: l’Horcynus Lab Festival, l’Horcynus Social festival e l’Horcynus Educational festival.

“La prima articolazione – prosegue Gaetano Giunta – ogni anno, a partire dalla presente edizione, raccoglierà fra i diversi nodi dei cluster territoriali d’eccellenza esperienze, pratiche, paradigmi e prototipi tecnologici, sociali ed economici esplicitamente orientati a sperimentare processi di trasformazione e metamorfosi sui rispettivi territori: in termini più poetici – conclude Giunta – si direbbe che raccoglierà i diversi nodi di sistemi locali che stanno consapevolmente cercando terre future”. Le ricerca parallela di produzioni culturali originali è giustificata dalla convinzione che le estetiche (arti visive e cinema) più di ogni altro sapere umano hanno la capacità di anticipare visioni, bisogni e desideri dei popoli. L’Horcynus Social Festival e l’Horcynus Educational Festival hanno invece il compito di massimizzare l’impatto sociale ed educativo delle ricerche e delle sperimentazioni culturali e socio-economico-ambientali. L’Horcynus Social Festival è finalizzato a diffondere le idee nuove e le pratiche di sviluppo umano attraverso produzioni culturali e cinematografiche originali, con particolare attenzione alle periferie più estreme. L’Horcynus Educational Festival, infine, opererà in collaborazione con le principali agenzie educative e supporterà i processi di conoscenza e di condivisione dei giovani attorno agli snodi contemporanei più significativi e urgenti.

Nel programma di “Metamorfosi”, tra le principali sezioni, l’Omaggio a Jens Nillson, con il seminario di studi dedicato al co-fondatore e primo presidente di REVES ed Europarlamentare, in programma a Mirabella Imbaccari, presso Palazzo Biscari, il 26 settembre; il workshop internazionale di Messina del 27 e del 28 settembre, che prende il titolo del Festival, “Metamorfosi”, finalizzato all’istituzione di Semer, la scuola euro-mediterranea di economia etica, di bellezza e di pace, quale strumento strategico a sostegno dello sviluppo umano di territori del bacino del Mediterraneo e della connessione tra essi; la sezione dedicata alla presentazione di prototipi e azioni di innovazione sociale, orientati a sperimentare processi di trasformazione nei territori; gli eventi speciali, tra cui si segnala il 29 settembre alle 10.30, presso il Parco Horcynus Orca di Capo Peloro, il workshop sulla bozza di legge sul budget di salute a cura della Fondazione di Comunità di Messina e della rete Res-Int, coordinato da Francesco Marsico di Caritas Italiana, con la partecipazione del Presidente Emerito della Corte Costituzionale, Prof. Gaetano Silvestri; gli incontri tra partenariati, con il gruppo di lavoro per lo sviluppo di nuovi strumenti di finanza etica, cui partecipano MECC s.c. e SEFEA IMPACT s.g.r. e quello sul progetto “Ecologia integrale per i diritti dell’infanzia”.

Infine, in continuità con le proposte dell’Horcynus Festival, la doppia sezione cinematografica, “Mare di Cinema Arabo” e “Arcipelaghi della Visione”, quella teatrale “Migrazioni tra terra e mare” con la consegna, il 30 settembre, del premio Horcynus Orca 2018 a Mimmo Cuticchio e, infine, per “Musica Nomade”, il concerto Fingerprint presso il Museo Macho di Capo Peloro.

Clicca per scaricare il programma di “Metamorfosi” in pdf

[summary] => [permalink] => http://www.horcynusorca.it/2018/09/24/horcynus-lab-festival-cooperazioni-strategiche-per-generare-metamorfosi/ [wp_menu_position] => 0 [wp_post_type] => post [wp_date] => 2018-09-24 19:12:22 [model_parent_ID] => 1 ) )